Francesco Giambrone, Presidente provinciale della categoria Anaepa di Confartigianato Imprese Agrigento, commenta la proposta della Regione Sicilia, che a tutti gli effetti sembra un apripista per una modifica della gestione degli appalti a livello nazionale. << E’ assolutamente giusto ripensare ad un sistema che metta freno ad un maggior ribasso incontrollato, che non da ne giustizia ai lavori ne guadagno reale alle aziende. >>. De facto, fa notare sempre Giambrone che le aziende partecipino alle gare d’appalto non per guadagnare ma per sostenere le loro iscrizione alle categorie SOA, che in altra maniera verrebbero irrimediabilmente compromesse.

l governo regionale mette mano nel settore appalti e lancia la sfida a Roma per ottenere la modifica del codice. La giunta ha approvato un disegno di legge che interviene sulla Cuc, la Centrale unica di committenza, modifica i controlli antisismici del Genio civile e modifica i tempi di proroga degli Urega, uffici regionali per l’espletamento delle gare di lavori pubblici. Ma il ddl è destinato a fare discutere per le modifiche agli articoli 95 e 97 del codice degli appalti.